3 dicembre 2004

Palagonia: antenne, in arrivo regolamento e commissione

PALAGONIA. In un aula consiliare gremita di pubblico si è svolto ieri il consiglio comunale (29.11.04), che prevedeva all’ordine del giorno anche le proposte di regolamento dell’installazione antenne Umts. Le proposte di regolamento avanzate dal consigliere Bassotto (Forza Italia) prevedevano che fosse fissata la distanza di un chilometro dal centro abitato per le antenne e che ogni provvedimento in merito a qualsiasi istallazione passi al vaglio del consiglio comunale in modo cha possa esprimervi parere vincolante.

Dopo l’approvazione, i consiglieri di minoranza hanno chiesto la sospensione del consiglio per permettere ai comitati cittadini di esprimersi in merito al regolamento. Il consigliare Sipala (Margherita) preso atto delle ulteriori esigenze di garanzie chieste dal pubblico ha proposto e ottenuto all’unanimità l’istituzione di una commissione mirata composta dai consiglieri Bassotto, Sipala, Daviri, Di Maria ed alcuni esponenti dei comitati cittadini. Questa denominata “contro antenne selvagge” si prefigge l’obbiettivo di garantire ulteriormente gli interessi dei cittadini.

Il sindaco Fausto Fagone in conclusione: “Continuerò ad impegnarmi per tutelare gli interessi del mio paese, sempre dalla parte dei cittadini”.

28 novembre 2004

Palagonia: sindaco non autorizza corteo contro le installazioni di antenne

di Cesare Piccitto

PALAGONIA. Doveva svolgersi ieri (venerdì 26.11.04) alle 18.30 la manifestazione “contro antenne telefonia mobile”, organizzata dai comitati cittadini e sindacati, ma il sindaco ha negato l’autorizzazione. La manifestazione richiesta il 15 novembre, dall’organizzazione sindacale UILA-UIL, prevedeva raduno in piazza Garibaldi e corteo lungo le vie della città, per protestare contro la continua istallazione dell’antenne “Umts”.

Le proteste iniziarono un mese fa diversi i confronti tra cittadini e il sindaco Fausto Fagone, sull’opportunità o meno di questi ripetitori all’interno del suolo comunale. Nel consiglio comunale del 26 ottobre il sindaco garantiva massimo impegno per lo smontaggio delle antenne già installate e per far si che nessun altra antenna venisse montata sul suolo urbano. Le speranze della popolazione e la presa di posizione del sindaco, sono risultate inefficaci, le procedure per l’istallazione delle nuove antenne ed il consolidamento di quelle già montate continua incessantemente. Da qui la volontà dei comitati e del sindacato di esprimere ieri il loro dissenso attraverso una manifestazione pubblica.

Tra i promotori il sindacalista UILA-UIL Santo Terranova: “Siamo esterrefatti. Non solo le antenne continuano ad esser istallate nonostante i cittadini non le vogliano e gli impegni disattesi del sindaco, ma addirittura ci viene negato il diritto costituzionalmente garantito di manifestare. Che ci venga spiegato il motivo della non autorizzazione.”

Nel consiglio comunale di lunedì la questione “antenne telefonia” sarà nuovamente all’ordine del giorno, sperando che l’amministrazione riesca a prendere una decisione finale, che possa metter fine a questo lungo confronto tra cittadini e pubblica amministrazione.