28 agosto 2006

Assisi e Sicilia, una sola lingua

da liberazione.it
di Rita Borsellino

Assisi e la Sicilia in questi giorni parlano la stessa lingua. Qui ad Assisi oggi si manifesterà per la pace.

Domenica 10 settembre, domani, a Lampedusa per i diritti dei migranti, di quelle identità negate sulle quali si interrogano tanto i laici quanto i cattolici.

E’ chiaro a tutti che la questione dell’immigrazione e quella della stabilità e della convivenza pacifica tra Israele ed i Paesi arabi s’ intrecciano e non solo perché rappresentano i punti forti su cui basare la politica italiana nel Mediterraneo ma perché nella loro gravità e complessità necessitano di una forte coesione europea.

Alla ripresa dell’attività parlamentare siciliana sarà necessario avviare una seria riflessione tra i parlamentari dell’ARS per capire quale può e deve essere il ruolo propositivo della Sicilia, avamposto dell’ Unione Europea, su questi due fronti. Già nel programma elettorale avevamo deciso di condividere il percorso politico avviato da altre regioni italiane che hanno chiesto la chiusura dei Cpt e dei Cdi e di formulare mozioni politiche rivolte al governo nazionale per rinegoziare gli accordi di riammissione sulla base dei principi di diritto umanitario ed internazionale, bloccando le espulsioni.

A settembre trasformeremo questa proposta programmatica in mozione politica da fare votare a tutti i parlamentari regionali. L’inizio di un percorso che, mi auguro, possa arrivare allâapprovazione di una legge regionale sull’ immigrazione ed ad un’ altra per la cooperazione internazionale e la pace. Oltre gli schieramenti, per la Politica.

Nessun commento:

Posta un commento