29 agosto 2006

Ken Loach: sì al boicottaggio delle attività culturali israeliane

da infopal.it

Mentre in Italia tutti corrono, a destra come a sinistra (intellettuali, politici, giornalisti e quant'altro), a dichiarare la propria fedeltà a Israele e ai suoi valori di "democrazia", a tacciare di "antisemitismo" (qual termine abusato e usato impropriamente!) tutti gli altri, e soprattutto, pericolosamente, a confondere "ebraismo" con "sionismo" e "stato di Israele", in Gran Bretagna, nonostante tutto, c'è chi ha il coraggio di manifestare dignità e libero pensiero. E di boicottare uno stato che pratica l'apartheid e commette crimini contro l'umanità.


Press Release, PACBI, 24 August 2006

Ken Loach, il famoso regista britannico e vincitore della Palma D'Oro al Festival di Cannes, un artista conosciuto per i suoi film socialmente e politicamente impegnati, ha comunicato la sua personale adesione "all'appello dei registi palestinesi, degli artisti, ecc., a boicottare le istituzioni culturali facenti capo allo stato di Israele, e ha sollecitato altri a unirsi alla campagna".

Ha annunciato che non prenderà parte all'"Haifa Film Festival o a qualsiasi altra occasione del genere", una chiara dichiarazione della propria intenzione e del fatto che i palestinesi i "palestinesi lanciano questo appello al boicottaggio dopo 40 anni di occupazione della loro terra, distruzione delle loro case e rapimento e assassinio di civili".

Comunicato di Ken Loach:


Sostengo la richiesta di registi, artisti, ecc., palestinesi, a boicottare le istituzioni culturali facenti capo allo stato di Israele e sollecito altri a unirsi alla campagna.

I palestinesi sono costretti a lanciare questo appello al boicottaggio dopo 40 anni di occupazione della loro terra, distruzione delle loro case, rapimento e assassinio di civili.

Non hanno immediata speranza che questa oppressione abbia termine.

Come cittadini britannici dobbiamo prendere consapevolezza delle nostre responsabilità. Dobbiamo condannare i governi britannico e statunitense per il sostegno e il rifornimento di armi a Israele. Dobbiamo anche opporci alle attività terroristiche dei governi britannico e statunitense atte a proseguire le loro guerre illegali e occupazioni.

In ogni caso, è impossibile ignorare gli appelli dei compagni palestinesi. Di conseguenza, voglio ignorare qualsiasi invito al Film Festival di Haifa o altre successive occasioni.

Cordiali saluti,

Ken Loach

Nessun commento:

Posta un commento