2 marzo 2007

Ambiente: Pecoraro attiva uffici su denuncia ‘Iene'

Progetto di edificazione di mille casette a schiera per i militari della base di Sigonella

Il ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio ha attivato le direzioni del Ministero per assumere ogni informazione utile relativamente a quanto denunciato dalla trasmissione ‘Le Iene’ nella puntata di lunedì scorso, 26 febbraio. Lo rende noto un comunicato dell’Ufficio stampa del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Nel corso della trasmissione di Italia Uno si è parlato di un progetto per la realizzazione di un complesso abitativo destinato alla residenza di militari americani della Base di Sigonella. Il progetto prevede l’edificazione di mille casette a schiera unifamiliari più un imprecisato numero di “residence per sistemazione temporanea” di militari in transito, più scuole, attrezzature per lo svago e il terziario, per un massimo di 6.862 presenti, per un volume edificabile di 670.000 metri cubi su una superficie, oggi coltivata ad aranceti, di circa 91 ettari.

Il consiglio comunale di Lentini – secondo quanto denunciato nella trasmissione - avrebbe approvato una variante al proprio Piano Regolatore, modificando l’originaria destinazione d’uso di un terreno, sottoposto a vincoli, da agricola in zona residenziale, per rispondere ad un’esplicita richiesta delle autorità militari statunitensi. Ma il comandante della base di Sigonella ha dichiarato nel corso della trasmissione che non esiste alcun interesse da parte delle autorità militari americane alla realizzazione del complesso residenziale, presupposto che giustificava la variante del comune di Lentini.

“Ho chiesto – ha dichiarato Pecoraro – agli uffici del Ministero di fornirmi tutte le informazioni relative a quanto denunciato nella trasmissione. Le ‘iene’ peraltro hanno sempre mostrato grande attenzione ai temi della difesa ambientale. Mi pare sia opportuno fare chiarezza su questo episodio. Voglio avere tutti gli elementi per poter definire eventuali azioni a tutela del territorio”.

Nessun commento:

Posta un commento