4 settembre 2007

Claudio Fava: "A Catania sono tornati i comitati d'affare"

Sequestrati i parcheggi Europa e Lupo Sott'inchiesta il sindaco e D'Urso - di Alfio Sciacca - Dal Corriere della sera del 04/09/2007 -

Ok, per Scapagnini è la terza "chiamata" dei pm nel giro di un paio di anni - di Simone Spina Isola Possibile -

Il quinto cavaliere Affari e opere di Mario Ciancio - Casablanca di Sebastiano Gulisano -

L'inchiesta della magistratura conferma ciò che da anni continuiamo a ripetere: a Catania oggi governano i comitati d'affare. E non vi è scelta amministrativa o urbanistica che non sia piegata al profitto di pochi privati, a danno dell'intera collettività.

"Il gioco delle tre carte" (espressione dei magistrati) con cui il sindaco Scapagnini ha trasformato due parcheggi in altrettanti centri commerciali é solo la punta dell'iceberg. Dietro quei "simulacri di gare d'appalto" (sempre parole dei giudici) c'è l'obbedienza dell'amministrazione comunale di centrodestra agli interessi e ai capricci dei più forti gruppi imprenditoriali della città, quelli che fanno capo al costruttore Ennio Virlinzi e all'editore Mario Ciancio, assegnatari delle concessioni incriminate.

Ancora più grave è che su questa sordida speculazione pesi da mesi il silenzio imposto dal quotidiano di Ciancio, beneficiario dei favori della giunta Scapagnini ma anche padrone dell'informazione nella città. Ai catanesi oggi è negato il diritto di sapere e di giudicare: di questa emergenza democratica è bene che comincino a farsi carico tutti, senza facili deleghe alla magistratura.


L’iniziativa della magistratura catanese e il sequestro dei parcheggi di piazza Europa e piazza Lupo rendono giustizia alle diffuse proteste dei cittadini
- 5 settembre 2007

PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA Federazione di Catania

L’iniziativa della magistratura catanese e il sequestro dei parcheggi di piazza Europa e piazza Lupo rendono giustizia alle diffuse proteste dei cittadini ed alla petizione dei comitati civici che contestano la decisione del sindaco di Catania on. Scapagnini. di realizzare 9 mega-parcheggi interrati nel centro della città. Già nello scorso mese di giugno i capigruppo di Rifondazione Comunista in parlamento, insieme alle altre forze della sinistra radicale, avevano chiesto a Prodi di non prorogare la nomina di Scapagnini a commissario delegato al traffico ed alla sicurezza sismica proprio per l’uso spregiudicato che egli aveva fatto dei poteri conferitigli in occasione dell’affidamento dei parcheggi interrati ,sovradimensionati ed in gran parte trasformati in centri commerciali, avvenuta in violazione di tutte le normative urbanistiche e commerciali in vigore.

A maggior ragione adesso si impone la nomina di un alto funzionario di provato prestigio che proceda alla revoca in autotutela degli appalti relativi ai parcheggi interrati ed ai numerosi centri commerciali annessi, e altresì provveda alla rendicontazione delle spese sostenute nei 5 anni di gestione dal commissario delegato al traffico ed alla sicurezza sismica. La drammatica situazione finanziaria in cui versano le casse comunali, l’aumento smisurato delle tasse (ICI, Tarsu ecc.), la incapacità di approvare ancora oggi il bilancio preventivo 2007 e le palesi irregolarità nella gestione della cosa pubblica, che adesso emergono anche dalla iniziativa della magistratura, impongono al sindaco Scapagnini ed alla sua giunta le immediate dimissioni perché la città possa finalmente voltare pagina e si possa ripristinare la piena legalità nelle procedure e nelle scelte amministrative.

Marcello Failla Francesco Manna

Nessun commento:

Posta un commento