19 novembre 2007

La Carovana del sud, per la pace e il disarmo, parte dalla Sicilia

da http://www.girodivite.it/

E’ partito da Catania un corteo di auto addobbate di bandiere e manifesti con in testa il camper dei carovanieri, che accompagneranno la "Carovana contro la guerra, per la pace e per il disarmo"...


E’ partito da Catania un corteo di auto addobbate di bandiere e manifesti con in testa il camper dei carovanieri, che accompagneranno la "Carovana contro la guerra, per la pace e per il disarmo".

La prima tappa è stata la base di Sigonella, la più grande base aeronavale del Mediterraneo, che negli ultimi anni è stata protagonista di un vasto processo di espansione, sperperando ingenti risorse naturali e finanziarie. In particolare, l’infrastruttura oggi ospita decine di testate nucleari destinate ai velivoli e alle unità navali della Marina USA. Anche la vicina baia di Augusta ospita periodicamente portaerei e sommergibili a propulsione nucleare con grave pericolo per la popolazione e in violazione alle normative ambientali. A differenza di quanto accade nei porti civili degli Stati Uniti dove è vietato il transito e la sosta di unità atomiche.

Davanti alla base si è tenuta una conferenza stampa nel corso della quale i manifestanti hanno presentato le due proposte di legge una per il disarmo atomico e l’altra per impedire che l’Italia sottoscriva accordi militari con Stati che detengono armi di distruzione di massa e per la chiusura e la riconversione per uso civile delle basi militari. È stato, inoltre, denunciato l’arrivo a Sigonella del nuovo comandante Thomas J. Queen, che ha ricoperto il ruolo di membro dello speciale ufficio di revisione dello status dei "militari combattenti" presso Guantanamo. Gli organizzatori ritengono oltre che inaccettabile inopportuna questa presenza in Sicilia dopo che la recente inchiesta del partlamento europeo ha provato l’utilizzo dello scalo di Sigonella e degli aeroporti civili di Catania e di Palermo per i transiti dei voli CIA con a bordo i prigionieri sequestrati illegalmente in Afganistan, Medio Oriente ed Europa. Infine è stata presentata la petizione popolare contro lo scudo "antimissilistico".

Dopo Sigonella la carovana ha raggiunto la la contrada di Xirumi, dove una società che vede tra i suoi soci la Maltauro Costruzioni di Vicenza e la Famiglia del Cavaliere editore-imprenditore-costruttore Ciancio Sanfilippo prevede di realizzare un complesso abitativo per 6500 americani.

Dopo un pranzo a base di mozzarelle che i carovanieri hanno portato dal presidio di Serre, si è tenuta un’assemblea nella piazza di Scordia, paese limitrofo a Xirumi, organizzata dal locale circolo del PRC "Peppino Impastato". La giornata, dopo una breve sosta di fronte al villaggio USA Mineo Haus, si concluderà a Caltagirone dove il comitato locale di Attac ha organizzato una iniziativa in piazza.

La Carovana del Sud



Ti piace questo post? Votalo su OKNotizie!

Nessun commento:

Posta un commento