27 gennaio 2008

Uranio impoverito: avanza il macabro conteggio

L'uranio impoverito continua ad uccidere, nonostante l'assordante silenzio della politica. Tra le vittime, principalmente, membri delle forze militari italiane inviate nelle missioni all'estero.

da vittimeuranio.com
venerdì 18 gennaio 2008


In ricordo di Emilio

Voglio ringraziarvi per aver dato risalto alla triste notizia della scomparsa del caro cugino Emilio Di Guida, e voglio farlo in occasione del suo trigesimo.


Le invio la foto di Emilio che può pubblicare sul sito, unitamente a quanto le scrivo, e con la dicitura riportata sul retro della stessa foto:


"Eri soldato di pace, angelo senza spada, ma la pace degli unomini nn ti ha voluto. Per noi uomini normali sapere che c'è ancora qualcuno che sa morire per la pace dà una forza che supera il dolore della morte. Noi siamo sicuri che il tuo grande cuore ora riposa nel cuore di chi disse:"Beati gli uomini di pace perchè loro sarà il Regno dei Cieli".

Ricordo che Emilio è l' ennesima potenziale vittima dell'uranio, anzi ennesima potenziale vittima di chi esercita il proprio potere in maniera disonesta perchè sa e finge di non sapere.

Questo voler mettere tutto a tacere con poche parole e con qualche promessa del ......poi, puzza di marcio, di corrotto. Sono uomini? Purtroppo si possono definire tali sono coloro che sacrificano la propria esistenza per la pace, la verità e tutti gli ideali che mirano anche al ripetto della dignità altrui. E quelli di cui parliamo, quindi, non sono certo uomini.
La ringrazio di cuore.

Pia Di Guida

APPROFONDIMENTI: "Sul numero delle vittime non si può giocare al Lotto"


Nessun commento:

Posta un commento