21 aprile 2008

ELEZIONI/ MPA QUERELA "REPUBBLICA" PER DIFFAMAZIONE AGGRAVATA

"Da Lombardo nessuna illegale ricerca del consenso"

da http://virgilio.alice.it/index.html

Palermo, 21 apr. (Apcom) - In merito all'articolo de "la Repubblica" di oggi e che anticipa parte di un servizio che verrà mandato in onda nella trasmissione Exit su La7 (puoi rivedere la puntata di exit), la segreteria politica del MpA annuncia querela per diffamazione aggravata. Secondo l'Mpa nell'articolo "ricompare l'ostinazione irriducibile a voler costruire un nesso tra il successo dell'on. Lombardo, eletto Presidente della Regione, e forme più o meno illecite di acquisizione del consenso".

Secondo Mpa "il redattore volutamente ignora le dimensioni del successo elettorale e la sua omogenea diffusione su tutto il territorio regionale. L'MpA - prosegue la nota - ritiene la ricostruzione giornalistica oltraggiosa e diffamatoria, oltrechè lesiva della credibilità e dell'affidabilità popolare di cui gode il Movimento".

L'on. Lombardo è naturalmente estraneo ad ogni forma di acquisizione del consenso che possa essersi praticata in violazione della legge ed anzi rivendica di avere condotto una campagna elettorale improntata al più severo e sentito impegno civile e della quale potrà rendere conto per ogni iniziativa o dichiarazione o comportamento, tutti sempre improntati alla più assoluta trasparenza".

La ricostruzione del quotidiano - scrive la segreteria Mpa - inoltre offende le centinaia di migliaia di siciliani che hanno espresso liberamente e convintamente il loro consenso".

L'MpA ha dato mandato "affinché si proceda a denunciare il reato di diffamazione aggravata a mezzo stampa e chiedendo all'Autorità giudiziaria competente affinché si accertino i fatti descritti nell' articolo ed altresì facendo richiesta di adeguato risarcimento per il danno subito".

Nessun commento:

Posta un commento