6 novembre 2008

Gasparri: "Con Obama? Al Qaeda è più contenta"

http://generazionev.blogspot.com/ Gasparri pesantissimo sulla vittoria di Obama. Estratto audio dell'intervista rilasciata al Gr3 del 5NOV 2008

5 novembre 2008

Radio Mafiopoli puntata n.07: "L’onore è mobile"

Parlavano dell’onore. A Mafiopoli sono anni che sciacquano le bocche con l’onore. L’onore che premia, l’onore che salverà anche il più mafiopolitano dei mafiopolitani davanti a dio

da radiomafiopoli.org

Il Testo:

L’onore delle donne che si stracciano le sottane invocando dio, che se non l’avessero venduto dio a mafiopoli per un terreno edificabile, se potesse sentirle dalla cella del carcere duro, sarebbero muffa, le donne che si stracciano le vesti difendendo i mariti giurando di non aver sentito il loro odore di caccia, sangue e pistola mentre si infilano nel letto. Le donne di mafiopoli sono la muffa dell’onore che sbava. Le donne di Mafiopoli, le donne quelle vere come la donna del capoclan Valentino Gionta che hanno fresca fresca arrestato giù a Gomorra Continua a leggere

L'Audio:


img src="http://www.radiomafiopoli.org/radiologo.png" alt="" width="240" height="24" />

Obama, the day after

"Tutti gli americani, giovani e vecchi, ricchi e poveri, democratici e repubblicani, neri, bianchi, ispanici, asiatici, indiano-americani, eterosessuali, gay, portatori di handicap, tutti insieme hanno mandato un messaggio al mondo: noi non siamo mai stati soltanto una raccolta di stati rossi e blu. Noi siamo sempre stati e sempre saremo gli Stati Uniti d'America". Barack Obama

Barack Obama Presidential Victory Speech Part 1/3 [HD] 2008




Chi è il neo presidente:
Barack_Obama

NON PARLIAMO DELLA SIGNORINA MARA CARFAGNA, CALENDARISTA DALLE PARI OPPORTUNITA’, MA…

…parliamo di un principio. Vedo che un gruppo di pasdaran seguita a far finta di non capire, o forse non capisce davvero. il punto, l’unico punto che conta (e lasciamo perdere la Carfagna, facciamo finta che non esista) è: è ammissibile o non ammissibile, in una democrazia ipotetica, che il capo di un governo nomini ministro persone che hanno il solo e unico merito di averlo servito, emozionato, soddisfatto personalmente?

da http://www.paologuzzanti.it/
2 Novembre 2008

Potrebbe essere il suo giardiniere che ha ben potato le sue rose, l’autista che lo ha ben guidato in un viaggio, la meretrice che ha ben succhiato il suo uccello, ma anche il padre spirituale che abbia ben salvato la sua anima, il ciabattino che abbia ben risuolato le sue scarpe.

Non importa in che modo. Non importa il sesso. Importa un principio, uno solo: è lecito, è tollerabile, è accettabile in via ipotetica e non qui in Italia ma sul fantastico pianeta di Zorbador che il primo ministro faccia ministro e segretario di Stato il pescivendolo che gli ha fornito le migliori triglie, il medico che lo ha tirato fuori da una brutta polominte, la maestra di piano dei suoi figli, l’antennista della sua televisione di casa, e così via

Affrontiamo per favore il solo problema generale, che è quello che ho già indicato: è lecito o non è lecito che si faccia ministro in uno Stato immaginaio e anzi in un Pianeta di un’altra costellazione, una persona che ha come suo merito specifico ben soddisfatto il capo del governo?

Sì o no? Lasciamo perdere per favore, il caso di una povera ragazza, ministro per caso, insultata da un’energumena su una piazza piena di loschi figuri. Lasciatela in pace.

Fate con me un passo avanti alla maniera dei classici greci: dibattiamo solo sul principio.

E’ lecito o no? Grazie.

4 novembre 2008

Assalto squadristico a "Chi l'ha visto"

Ieri sera la trasmissione Chi l'ha visto condotta da Federica Sciarelli ha proposto, tra gli altri temi, anche la questione scuola, con immagini e foto relative agli scontri in piazza dei giorni scorsi

da articolo21

Nella notte una sorta di spedizione punitiva messa in atto da una quarantina di persone che poco dopo la mezzanotte ha forzato i blocchi della vigilanza Rai e scavalcato i tornelli che consentono l'accesso all'edificio. Stando a quanto riferito dalle guardie giurate in servizio, i componenti del gruppo hanno dichiarato che l'azione era "contro" la trasmissione 'Chi l'ha visto', a quell'ora comunque gia' terminata.

Sul posto sono state fatte intervenire le forze dell'ordine ma nel frattempo gli autori dell'irruzione erano riusciti a dileguarsi. Questa mattina un nuovo episodio segnalato dall'azienda agli investigatori: nella redazione di 'Chi l'ha visto' sono giunte telefonate di minaccia ai redattori della trasmissione. Telefonate che sono state registrate e i nastri sono stati quindi consegnati alle autorita' competenti per cercare di arrivare, attraverso voci e rumori, a una possibile identificazione degli autori delle minacce.

"E' un assalto squadristico quello che ieri sera hanno tentato ai danni della trasmissione "Chi l'ha visto" condotta da Federica Sciarelli su Raitre, una delle trasmissioni peraltro più rigorose del servizio pubblico". Lo afferma il portavoce di Articolo21 Giuseppe Giulietti. "Un atto davvero preoccupante, a cui seguono le telefonate di minaccia di questa mattina in redazione, che non può essere sottovalutato ma che, al contrario deve immediatamente allertare gli organi di informazione e le organizzazioni sindacali.

La trasmissione ha svolto correttamente il ruolo di servizio pubblico facendo vedere le immagini di piazza Navona e le aggressioni della destra. Questa vicenda dimostra che c'è una singolare indulgenza nei confronti dello squadrismo di destra che si è manifestata da piazza Navona alle aule parlamentari allorchè sono stati sottovalutati episodi di infiltrazioni. Un'indulgenza non più tollerabile. Non vorremmo che come già accaduto tanti anni fa si stesse giocando la carta della provocazione. L'associazione Articolo21 - conclude Giulietti - esprime la più totale solidarietà a Federica Sciarelli, alla redazione di Chi l'ha visto e alla rete diretta da Paolo Ruffini".

Dell'Utri: «La Rai deve cambiare. Al Tg3 conduttori un po' dark»

Segnazione del carissimo Claudio da Milano. Non riesco ad aggiungere niente altro...

da corriere.it

Il senatore Pdl a tutto campo: «Mangano eroe a modo suo. Saviano? Lo capisco. Io vittima dell'Antimafia»

ROMA - Negli ambienti della Rai qualcosa sta cambiando. Ma molto resta ancora da fare. Questa, in sintesi, la posizione di Marcello Dell'Utri sulle ultime esternazioni del premier Silvio Berlusconi e sulla necessità più volte sottolineata dal presidente del Consiglio di diffondere ottimismo. Intervistato da Klaus Davi per «KlausCondicio», in onda su YouTube, il senatore non risparmia un duro attacco al servizio pubblico radiotelevisivo. «

Berlusconi in prima persona continua a diffondere ottimismo. Io - spiega - penso che qualcosa per forza dovrà cambiare, non so cosa, con la nuova Rai, ma comunque qualcosa cambierà». Come? Partendo da un nuovo approccio stilistico. «Le notizie, certo, bisogna darle, sennò si torna al fascismo, ma c'è modo e modo di comunicarle. Magari con conduttori più gradevoli di adesso. Continua a leggere

3 novembre 2008

"Zenith" dedica una puntata al suicidio di Adolfo Parmaliana

Venerdi' 31 Ottobre 2008 la trasmissione Zenith condotta da Giuseppe Pintaudi, andata in onda alle ore 20.50, sull'emittente Antenna del Mediterraneo si e' occupata della vicenda che ruota intorno al suicidio di Adolfo Parmaliana. In studio Biagio Parmaliana, Alessandra Serio e Sergio Granata.

Per rivedere la trasmissione qui: http://www.illume.it/

Approfondimenti: caso adolfo parmaliana