6 febbraio 2009

Saviano: non riscreverei Gomorra

''Quello che mi tiene in vita, la mia vera protezione, è l'attenzione nei miei confronti. Ma so benissimo che me la faranno pagare"

da www.irispress.it
del 03/02/2009

ROMA, 3 FEB - "Cerco solo di capire come, quando e perchè'. Non colpiranno quando c'è' molta attenzione. Cercheranno in tutti i modi di distruggermi, di delegittimarmi'': lo dice Roberto Saviano in una intervista a Euronews.

''Oggi, in tempo di crisi - spiega lo scrittore - la camorra è fortissima perchè' ha la liquidità. Sta entrando nelle grandi banche internazionali che non avendo liquidità accettano denaro sporco. Ne entra cosí tanto di denaro sporco nelle banche che la camorra determinerà la politica di queste banche quando ci sarà la ripresa. La camorra sta ipotecando il futuro del nostro continente''. Secondo lo scrittore, ''cio' che fa paura alla camorra non sono io, ma il mio lettore.

Questo loro non lo vogliono''. E poi Saviano conclude amarante: ''L'Italia non pensa alla mafia, pensa ad altro, al lavoro precario, alle intercettazioni. l'Italia crede che il problema mafioso sia uno dei problemi, non il problema''. In ogni caso, ribadisce, ''Gomorra non lo riscriverei, non ne posso piú, non ho alcuna simpatia per questo libro. Per me è peggiorato tutto, è esploso''.

Nessun commento:

Posta un commento