8 aprile 2009

5 aprile 2009 - Milano antifascista in Galleria e in 5000 a Piazza della Scala

Milano antifascista si è ritrovata con bandiere e striscioni in Piazza della Scala e contemporaneamente è stato improvvisato un concerto di banda in Galleria Vittorio Emanuele, strapiena. L'iniziativa è nata per la necessità di opporsi al convegno delle destre indetto da Forza Nuova all'Hotel Dei Cavalieri

da lorisbbbb
Servizio di Emilia Trevisani
Il video: http://www.youtube.com/watch?v=Wi-S2isTtrY


Bruxelles, 3 apr. (Apcom) - Cinquantacinque eurodeputati di cinque diversi gruppi politici sui sei presenti nel Parlamento europeo hanno firmato, su iniziativa di Vittorio Agnoletto, l'appello dell'Associazione nazionali partigiani (Anpi) contro il raduno internazionale dell'estrema destra promosso da Forza nuova a Milano per il 5 aprile. Lo riferisce una nota diramata oggi a Bruxelles dal gruppo della Sinistra unitaria europea (Gue).

"E' un messaggio importante che mostra come in Europa il sentimento antifascista sia patrimonio comune di un ampio schieramento politico e sociale. Mi auguro che le autorita' locali e nazionali italiane raccolgano questo invito che giunge dall'Europa e che si aggiunge a tutti coloro che chiedono che la manifestazione fascista sia vietata", ha dichiarato Agnoletto. "Noi sottoscritti parlamentari europei aderiamo all'appello lanciato dall'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia, che denuncia come '...il prossimo 5 aprile è in programma a Milano una manifestazione fascista internazionale promossa da Forza Nuova'", si legge nella dichiarazione firmata dai Cinquantacinque, che prosegue riportando per intero l'appello dell'Anpi e notando che hanno già assicurato la loro presenza a Milano il segretario generale del Front National francese, il vicepresidente del British National Party e il responsabile esteri del greco Proti Grammi. Finora, l'appello è stato firmato da molti europarlamentari dei due gruppi di sinistra, Pse e Gue, dei Verdi e dell'Alleanza liberaldemocratica, ma solo da due esponenti del Ppe, i francesi Patrick Gaubert e Margie Sudre.

Nessun commento:

Posta un commento