30 maggio 2011

IL MOVIMENTO 'INDIGNADOS': CHI SONO E COSA VOGLIONO?

La primavera degli 'Indignados' si sta diffondendo oltre la Spagna ed oltre l'Europa: Parigi, Berlino, Bruxelles, Edimburgo, Buenos Aires, Bogotà, Città del Messico....e perfino Roma, Bologna, Reggio Calabria e così via

di Virginia Simbula
da http://www.we-news.com/

Ma chi sono e cosa vogliono gli 'Indignados'? Per scoprirlo occore leggere il contenuto del loro manifesto: Manifiesto "Democracia Real Ya", ossia Manidesto di "Democrazia Reale Ora"; di seguito il contenuto tradotto in italiano.

Manifiesto "Democrazia Real Ya": Siamo persone comuni. siamo gente come te: gente che si alza ogni mattina per studiare, lavorare o per cercare lavoro, persone che hanno famiglia ed amici.

Persone che lavorano duramente ogni giorno per vivere e per dare un futuro migliore a chi le circonda. Alcuni si ritengono più progressisti, altri più conservatori. Altri credenti, altri no. Alcuni hanno un'ideologia ben definita, altri si sentono apolitici, ma tutti siamo preoccupati ed indignati per il panorama politico, economico e sociale che vediamo intorno a noi, per la corruzione di politici, imprenditori, banchieri....per l'impotenza del cittadino!

Questa situazione ci fa soffrire tutti i giorni. Ma se siamo tutti uniti, possiamo cambiarla. E' tempo di muoversi, è tempo di costruire insieme una società migliore. Pertanto sosteniamo fortemente che:

Le priorità di qualsiasi società avanzata devono essere: uguaglianza, progresso, solidarietà, libertà di accesso alla cultura, sostenibilità ecologica e sviluppo, il benessere e la felicità delle persone.

- Ci sono diritti fondamentali che dovrebbero essere protetti in queste società: diritto alla casa, occupazione, cultura, sanità, istruzione, partecipazione politica, libero sviluppo personale ed i diritti dei consumatori di accesso ai beni necessari per una vita sana e felice.
- l'attuale funzionamento del nostro sistema economico di governo non riesce ad affrontare queste priorità e costituisce un ostacolo al progresso umano.
- La democrazia (demos=popolo, crazia=governo) parte dal popolo perciò il governo deve essere del popolo. Tuttavia in questo Paese la maggior parte della classe politica non ci ascolta neppure. Le sue funzioni dovrebbero essere di portare la nostra voce alle istituzioni, facilitando la partecipazione politica dei cittadini attraverso i canali diretti che offrano i maggiori vantaggi per la società in generale, non per arricchirsi e prosperare a nostre spese, frequentando solo i dettami delle maggiori potenze economiche ed aggrappandosi al potere attraverso una dittatura partitocratica guidata dall'immutata sigla PPSOE.
- L'ansia e l'accumulo di potere tre pochi crea disparità, tensione ed ingiustizia, la quale porta alla violenza che noi respingiamo. L'obsoleto ed innaturale modello economico igente blocca la macchina sociale in una spirale che si consuma in se stessa arricchendo pochi e gettando nella povertà e scarsità il resto, fino al crollo.
- La volontà e lo scopo del sistema è l'accumulo di denaro, che ha la precedenza su efficienza e benessere della società. Spreca le risorse, distrugge il pianeta, crea disoccupazione e consumatori infelici.

I cittadini sono parte d'ingranaggio di una macchina progettata per arricchire una minoranza che neanche conosce i nostri bisogni. Siamo anonimi, ma senza di noi tutto questo non esisterebbe, siamo noi che muoviamo il ondo.

Se come società impariamo a non affidare il nostro futuro ad un astratto ritorno economico, che non torna mai a vantaggio della maggioranza, saremo in grado di eliminare gli abusi e le carenze che soffriamo tutti.

E' necessaria una rivoluzione etica. Abbiamo messo il denaro al di sopra dell'Essere umano e dobbiamo metterlo al nostro servizio. Siamo persone non prodotti di mercato. Io non sono solo ciò che compro, perchè lo compro e a chi lo compro."

Piccola riflessione personale: A quanto pare "Tutto il mondo è Paese"! Pare che anche i giovani italiani si stiano lasciando contagiare dalla primavera degli 'Indignados', infatti potete trovare notizie ed aggiornamenti sul movimento italiano, principalmente, sulla pagina Facebook degli 'Italian Revolution'.

Vorrei lanciare una provocazione: secondo voi è possibile che i giovani italiani siano disposti a scendere in piazza per rivendicare i loro diritti ad una "Democrazia Reale" oppure è molto più facile che si ritrovino in piazza per il casting del 'Grande Fratello'?

Io personalmente propendo per la seconda opzione, vista la diffusa apatia e disunità d'idee e d'intenti che è stato possibile constare ultimamente: i giovani ed in generale le persone che s'indignano in Italia, sono ancora molto poche e poi, da noi, arriverebbero in piazza anche i politici di professione a sfuttare l'occasione; in Spagna verrebbero sicuramente cacciati.

Nessun commento:

Posta un commento