24 agosto 2011

Modica: Presentazione III edizione del festival di giornalismo

Video della conferenza stampa di presentazione del 3 Festival del giornalismo a Modica, evento, a cura de "Il clandestino", che si terrà dal 25 al 28 agosto 2011

23 agosto 2011

L'abolizione delle festività civili era già nel piano di Rinascita di Gelli

Ebbene si, l'abolizione delle festività civili, come il 25 aprile e il primo maggio era già presente nel piano di Rinascita "democratica" del golpista piduista Licio Gelli

da senzasoste.it
(red) 22 agosto 2011

Dalla mailing list Jugo Info, che da anni informa sulle vicende della Jugoslavia post guerra civile, spunta la chicca. Segnalata da Claudia Cernigoi la storica nota per il puntiglioso lavoro su quanto accaduto effettivamente sul fronte est italiano durante la seconda guerra mondiale.

La chicca si compone in questo modo: ebbene si, l'abolizione delle festività civili, come il 25 aprile e il primo maggio, era presente nel piano di Rinascita "democratica" del golpista piduista Licio Gelli. Anzi Licio Gelli, rispetto all'iscritto 1816 della P2 ovvero Silvio Berlusconi, si era mantenuto più cauto. Mantenendo il due giugno come festività nazionale.

Ma l'allievo, si sa, in qualche modo deve superare il maestro. Ecco qui che una parte del piano di Rinascita della P2 è stata approvata per decreto. Parole e musica di Licio Gelli. La firma sul decreto ce l'ha messa invece Giorgio Napolitano. Che in queste ore si è fatto benedire la sua idea di governo ultraliberista da chi di rapporti con i poteri occulti se ne intende: Comunione e Liberazione.

ELIMINAZIONE DELLE FESTIVITA' INFRASETTIMANALI E RELATIVI PONTI

PIANO DI RINASCITA DEMOCRATICA DELLA LOGGIA P2 (testo sequestrato a Maria Grazia Gelli nell'estate 1982).Tra i programmi (attività di governo) leggiamo: b3) eliminazione delle festività infrasettimanali e dei relativi ponti (salvo 2 giugno - Natale - Capodanno e Ferragosto) da riconcedere in un forfait di 7 giorni aggiuntivi alle ferie annuali di diritto;una prima parte era già stata realizzata nel 1977, con l'eliminazione di alcune festività (civili e religiose) e la "concessione" di 6 giorni di festività soppresse. bontà loro, la P2 (di cui è tesserato 1816 il Cavaliere di governo) aveva lasciato il 2 giugno, che l'attuale governo vuole togliere, ed i giorni da fruire in alternativa, che questo governo non solo non ci "concede", ma ce ne ha addirittura scippato uno, per la festività (non richiesta dai lavoratori) del 17 marzo, unità d'Italia.

- segnalato da C. Cernigoi in [JUGOINFO] Visnjica broj 869