1 aprile 2013

Anonymous Italia abbraccia Patrizia Moretti. Chiusi i siti del COISP

Proprio mentre le agenzie stampa rilanciavano i flash con le ultime farneticazioni di Franco Maccari – il segretario nazionale del COISP, ieri tra i protagonisti dell'orribile sit-in in solidarietà ai poliziotti che hanno assassinato Federico Aldrovandi – qualcuno ha pensato bene di chiudergli la bocca. 


da http://www.infoaut.org/

Infatti, a pochi minuti l'uno dall'altro, i siti del sindacatino di polizia ( http://www.coisp.it/ e http://www.coispnewsportale.it/ ) sono volati gambe all'aria sotto i colpi di un attacco DDOS. Gli autori? Sempre loro, gli hacker di Anonymous Italia.

 Un gesto attraverso il quale gli attivisti hanno voluto esprimere, non solo una ferma condanna nei confronti degli autori della provocazione inscenata nel pomeriggio di mercoledì sotto le finestre del comune di Ferrara, ma anche solidarietà verso la mamma di Federico, facendole sentire in questo modo la loro vicinanza.

 Nel comunicato, asciutto e molto duro, con cui è stata rivendicata l'azione, gli Anon hanno messo in chiaro che il loro operato contro gli abusi della polizia non si ferma qua. Anzi fanno una promessa: quella di utilizzare tutte le armi in loro possesso «per indagare sulle morti impunite, per fare luce laddove lo Stato complice vuole imporre il silenzio». Un silenzio minaccioso ed assordante. A dimostrarlo una lunga lista di nomi che chiude il post dell' #OpCOISP: Federico, Stefano, Carlo, Aldo, Marcello ed altri ancora. Vittime di una violenza brutale ed impunita che uccide due volte: prima in strada, in carcere o in piazza con pestaggi, torture e manganellate. Poi nei tribunali e sui media, quando il ricordo viene infangato e la verità seppellita sotto un cumulo di menzogne infamanti. Ma per antonomasia Anonymous non dimentica e nella sua mente «l'ombra del sangue di Federico», la stessa che ieri Patrizia Moretti ha sbattuto in faccia agli agenti del COISP, è più viva che mai. A due ore dall'inizio dell'attacco i portali del "Coordinamento per l'indipendenza sindacale delle forze di polizia" non danno segni di vita. Sui monitor un messaggio d'errore: 404 officer not found.

 Leggi il comunicato di Anonymous Italia Salve, servi dello Stato. apprendiamo dell'ennesima dimostrazione di viltà alla quale avete dato adito. Il vostro pseudo-sindacato manifesta solidarietà verso mani colpevoli e sporche di sangue innocente. Insabbiate la verità, sprezzanti di una madre orfana di un figlio strappatole barbaramente da quattro assassini, rendendovi complici di una sanguinosa mattanza e di un dolore che non può essere sopito. Infangate i diritti umani incarnando il ruolo di capri espiatori, mentre vi prodigate in azioni violente, repressive e deplorevoli. L'ombra del sangue di Federico è più viva che mai. Non dimentichiamo chi è caduto per mano di vili assassini asserviti al potere. Non dimentichiamo lo strazio delle madri e dei padri che chiedono giustizia e rispetto. Le loro urla e le loro lacrime sono anche le nostre. E a loro ci stringiamo, con la promessa di utilizzare tutte le armi in nostro possesso per indagare sulle morti impunite, per fare luce laddove lo Stato complice vuole imporre il silenzio.

VITTIME DELLO STATO: Federico Aldrovandi (2005) Stefano Cucchi (2009) Riccardo Rasman (2006) Giuseppe Uva (2008) Niki Aprile Gatti (2008) Carlo Giuliani (2001) Massimo Casalnuovo (2011) Gregorio Durante (2011) Aldo Bianzino (2007) Gabriele Sandri (2007) Simone La Penna (2009) Manuel Eliantonio (2008) Marcello Lonzi (2003) Michele Ferrulli (2011) Dino Budroni (2011) Carmelo Castro (2009) Daniele Franceschi (2010) Giuseppe Casu (2006) Piero Bruno (1975) Giovanni Ardizzone (1962) Rodolfo Boschi (1975) SOPRAVVISSUTI Luciano Isidro Diaz Stefano Gugliotta Luigi Morneghini Paolo Scaroni Il sangue sparso per mano di deplorevoli divise è il sangue di tutti. Che giustizia sia fatta, dunque. SIC SEMPER TYRANNIS We are Anonymous We are Legion We do not forgive We do not forget Expect Us #Anonymous #ACAB #Humanrights #Italy

Nessun commento:

Posta un commento