17 marzo 2014

Sequestro Moro, oltre quindicimila i documenti ancora coperti dal segreto

A trentasei anni dal sequestro del presidente della Dc Aldo Moro e dalla strage di via Fani, di cui il 16 marzo ricorrerà l’anniversario, oltre quindicimila documenti riguardanti una delle vicende più oscure della storia d’Italia risultano ancora oggi classificati e rimarranno tali almeno fino a quando non sarà emanato il regolamento attuativo del legge che ha riformato la disciplina del segreto di Stato

da http://www.lettera35.it/


A renderlo noto sono stati i parlamentari del Partito Democratico, Marco Carra e Gero Grassi, quest’ultimo autore di un voluminoso dossier dedicato ai drammatici 55 giorni che culminarono con l’uccisione di Moro. “Su un totale di 54.792 pagine relative al caso Moro riversate presso l’Archivio storico del Senato – spiegano i due parlamentari – ben 15.343 (circa il 30%) sono attualmente classificate. Si tratta di una cifra importante alla quale si aggiunge un altro elemento: non è ancora stato emanato il regolamento attuativo della Legge di Riforma dei Servizi segreti (n. 124/2007) che disciplina la materia.

Questa circostanza consente agli uffici di Aise e Aisi di rispondere negativamente alle richieste di declassificazione di alcuni loro atti”. I due esponenti del Pd hanno chiesto con un’interrogazione al presidente del Consiglio di procedere alla totale declassificazione dei documenti relativi al caso Moro anche in considerazione del fatto che la Procura di Roma ha recentemente aperto un nuovo fascicolo sul sequestro. ” Ci dividono ormai ben trentasei anni dai 55 giorni che cambiarono il corso degli eventi nel nostro paese – aggiungono Carra e Grassi – ma tutt’ora, e nonostante l’estrema rilevanza politica e storica del caso, esistono molti documenti non disponibili perché classificati; l’attualità del caso Moro è un comune orientamento imposto dalla circostanza che molti aspetti del rapimento e dell’assassinio del presidente della Dc e della sua scorta non sono mai stati chiariti.

E’ inaccettabile la lentezza con cui si è proceduto alla declassificazione di questi materiali, chiediamo una svolta da parte delle amministrazioni competenti, anche in vista dell’imminente approvazione della legge che istituisce una nuova Commissione parlamentare d’inchiesta“.


Caso Moro: le quasi 400 pagine del dossier Pd http://www.deputatipd.it/PDF/Pubblicazioni/Volume_Moro.pdf

Nessun commento:

Posta un commento